Chi sa fare fa, chi non sa fare insegna, chi non sa insegnare insegna educazione fisica (Woody Allen)

venerdì 4 luglio 2014

Impianti paralimpici e abbattimento barriere Intesa ICS-CIP

Facilitare le richieste di societa’, associazioni sportive ed enti locali per la realizzazione, l’acquisto e la ristrutturazione di impianti e attrezzature rivolte allo svolgimento delle attivita’ paralimpiche sul territorio.
E’ l’obiettivo che si pone il protocollo d’intesa siglato oggi a Roma dal presidente del Cip, Luca Pancalli, e dai commissari straordinari del’Istituto per il Credito Sportivo, Marcello Clarich e Paolo D’Alessio. All’interno dell’accordo sono previsti anche una serie di interventi miranti all’abbattimento delle barriere architettoniche e sensoriali sugli impianti esistenti. “Ringrazio l’Ics per aver dimostrato, ancora una volta, sensibilita’ ed attenzione nei confronti del nostro movimento – ha specificato il numero uno del Cip, Luca Pancalli -. Oggi, con questa firma, diamo continuita’ a quell’accordo del 2007 grazie al quale stiamo realizzando un impianto come quello del Tre Fontane a Roma, la nostra Coverciano paralimpica. Un esempio di cultura sportiva e modello di sport per tutti”. Come ha ribadito inoltre il commissario straordinario dell’Ics D’Alessio la Banca dello Sport “e’ da sempre particolarmente attenta ai progetti che si contraddistinguono per l’elevato valore sociale. Il binomio tra sport e disabilita’ e’ al centro dell’attivita’ dell’unica banca pubblica italiana. Vogliamo favorire la nascita di nuovo impianti dedicati, con un’agevolazione particolare”.
La convenzione avra’ durata di 3 anni fino al 30 maggio 2017 ed impegna l’Istituto per il Credito Sportivo a concedere risorse finanziarie agevolate fino a 30 milioni di euro, dilatabile in caso di tale esigenza. Secondo tale accordo, sara’ il Comitato Paralimpico a farsi carico dei compensi e dei rimborsi da corrispondere ai professionisti incaricati di esprimere pareri o svolgere attivita’ di formazione e collaborazione.
(fonte: Press-In anno VI / n. 1586 - Italpress del 02-07-2014)

Nessun commento: