Chi sa fare fa, chi non sa fare insegna, chi non sa insegnare insegna educazione fisica (Woody Allen)

mercoledì 17 gennaio 2018

Festival "Corriamoci bene"

Il ricordo di Miguel Benancio Sanchez, podista-poeta argentino desaparecido, riempirà ancora una volta le strade di Roma domenica 21 gennaio. Campioni, amatori, studenti, la bellezza del correre, la lotta al razzismo, il fascino dello stadio dei Marmi intitolato a Pietro Mennea e quello dell’Olimpico, traguardo confermato della gara dei 10 km (partenza da piazzale della Farnesina alle 9.30) e della passeggiata della Strantirazzismo di 3 (partenza dal Ponte della Musica alle 10.45).
La “corsa che fa correre tutti” vivrà anche un gemellaggio con il mondo paralimpico e delle persone con disabilità: Sara, una bambina che ha il sogno di diventare giocatrice di basket in carrozzina, indosserà il numero uno.
La novità di questa edizione è rappresentata anche dal festival “Corriamoci bene”, in collaborazione con la Fidal e Runcard, nella Sala della Scherma, all’interno del Parco del Foro Italico, nelle giornate di venerdì 19 e di sabato 20 gennaio. Un viaggio fra libri, film e blogger della e sulla corsa.
Segnaliamo in particolare il pistino dove bambini e ragazzi potranno "assaggiare" partenze e scatti.  Poi tanti incontri. Paola Pigni, Gabriella Stramaccioni e Laura Duchi discuteranno di corsa al femminile alle 17 di venerdì. Alle 19, l'ultramaratoneta più famoso, Giorgio Calcaterra, incontrerà i podisti romani. Sabato, alle 10, è in programma l'illustrazione del percorso della Corsa di Miguel con l'aiuto dei grandi film che sono stati girati in luoghi del tracciato. Alle 11, "Il mondiale che Miguel non vide" ricorderà i 40 anni del mondiale di calcio argentino nell'era dell'orrore.
- https://www.lacorsadimiguel.it/

martedì 16 gennaio 2018

Monica Guerritore per La Corsa di Miguel



Miguel Sanchez aveva due grandi passioni: la corsa e la poesia. A quarant'anni dalla sua scomparsa, una delle più grandi attrici teatrali italiane, Monica Guerritore, ci ha fatto un grandissimo regalo: ha inciso per tutti noi la versione italiana di «Para Vos Atleta», «Per Te Atleta», forse la più nota poesia di Miguel. Ringraziando Monica, che speriamo di accogliere il 21 gennaio allo Stadio Olimpico, ve la proponiamo con enorme piacere.
https://www.lacorsadimiguel.it/

lunedì 15 gennaio 2018

Bologna. Donne e sport Riflessioni in un'ottica di genere

Sara Simeoni presenta suggestioni e spunti dal libro “Sara Simeoni” di Sarina Biraghi, Luca – Maria Pacini Fazzi ed. 2017
Un dialogo con atlete ed esperte. Quali potenzialità offre lo sport alle donne? Quali differenze tra donne e uomini nell’agire sportivo, immagine, risultato, performance, talento, competenza…?
Quali sono per noi i ‘valori’ dello sport oggi?
Intervengono:
- Sara Simeoni - campionessa italiana nel salto in alto
- Angela Magnanini - docente universitaria, direttrice di rivistaolimpia.it
- Sara Sgarzi - Synchronized Swimming - campionessa italiana nel nuoto sincronizzato
- Silvia Lolli - insegnante di educazione fisica, sociologa dello sport
Progettazione e coordinamento: Gioia Virgilio – Associazione Orlando
Evento promosso da Associazione Orlando in collaborazione con ASSIST – Associazione Nazionale Atlete.
Con il patrocinio di Ministero dell’Istruzione, dell’Università, della Ricerca- Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna.
INGRESSO LIBERO
INFO: http://www.women.it/

Lido di Ostia. Sogni di celluloide

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

venerdì 12 gennaio 2018

Torna a scalare, ma sulla sedia a rotelle: la rinascita dell'atleta cinese

Lai Chi-wai è il primo atleta cinese a essere stato nominato per gli Laureus World Sports Awards e ora spera di poter essere di ispirazione per tutti gli atleti con disabilità del mondo.
Prima di essere costretto su una sedia a rotelle a causa di un incidente stradale - avvenuto nel 2011 - lo sportivo 35enne si era aggiudicato per ben quattro volte il titolo asiatico per l'arrampicata. Nonostante le avversità, tuttavia, Lai Chi-wai ha deciso di non arrendersi e di tornare a scalare. "Ora ho bisogno di molta assistenza, ci sono parecchi limiti e si devono tenere in considerazione molti aspetti. Ma posso ancora farlo"
di Alessandra Del Zotto
VIDEO (https://video.repubblica.it/socialnews/torna-a-scalare-ma-sulla-sedia-a-rotelle-la-rinascita-dell-atleta-cinese/294347/294958)

giovedì 11 gennaio 2018

La corsa di Miguel - Conferenza stampa

Bella ed emozionante conferenza stampa questa mattina.
Per non dimenticare la storia di Miguel Benancio Sánchez. La corsa degli invisibili
Il giovane maratoneta rientra in Argentina dall’ultima San Silvestre, dopo aver sostato in Uruguay il 7 gennaio 1978 per la gara di Maldonado, alle dieci di notte. Cena e va a letto. Alle tre di notte “sei o otto persone armate”, stando alle testimonianze, bussano alla porta di casa Sánchez. Anzi, la sfondano, cercando un “Miguel Ángel Sánchez”. Il cane, Adam, un pastore tedesco, abbaia furiosamente. «Non c’è, non c’è alcun Miguel Ángel», dice una sorella. Ma questi uomini, che vestivano come militari, dicono che fa lo stesso, anche se si chiama Benancio. Buttano all’aria tutto, cercano libri rivoluzionari ma non li trovano, aprono gli armadi, trovano una bandiera argentina. Chiedono la ragione della bandiera. «Sono argentino» risponde Miguel. Lo portano via.
- continua su http://www.storiedisport.it/?p=10048
Roma, 11 gennaio 2018
MAXXI - Via Guido Reni - Ore 11.30
https://www.lacorsadimiguel.it/

Proprio alla vigilia della corsa di San Silvestro, un quotidiano brasiliano aveva pubblicato una sua poesia. Eccola, leggiamola tutti per ricordare Miguel e per celebrare la libertà e la democrazia:

"Per te, atleta.
Per te che sai di freddo,
di calore,
di trionfi e di sconfitte,
che no, non lo sono.
Per te che hai il corpo sano,
l'anima larga e il cuore grande.
Per te che hai molti amici,
molti aneliti,
l'allegria adulta,
il sorriso dei bambini.
Per te che non sai né di gelo né di sole,
né di pioggia né di rancori.
Per te, atleta,
che traversasti paesini e città,
unendo Stati nel tuo andare.
Per te, atleta, che disprezzi la guerra e sogni la pace".

Regione Lazio. "Sport in movimento" - Proroga termine presentazione domande

Al fine di rispondere alle numerose richieste di proroga pervenute dal territorio, con Deliberazione di Giunta Regionale n.933 del 28 dicembre 2017, il termine di presentazione delle domande di partecipazione all’Avviso pubblico “Sport e/in movimento” è stato prorogato al 31 Gennaio 2018.
- continua su http://www.regione.lazio.it/

martedì 9 gennaio 2018

Roma. Diamo un calcio alla disabilità

Asd Olimpus Roma Scuola Calcio
Diamo " UN CALCIO ALLA DISABILITA " 
SABATO 20 Gennaio ore 10.30 Olgiata 20.12 Via Guido Cantini 4.

lunedì 8 gennaio 2018

Special Olympics, inizia l'anno delle celebrazioni: mezzo secolo di sport per tutti

La prima torcia si accese nel 1968 a Chicago: erano i primo Giochi estivi. Il 2018 sarà l'anno delle celebrazioni: il movimento tornerà a Chicago, per dar vita a una settimana di eventi. Tra questi, il “Global Day of inclusion”
- continua su https://www.superabile.it/
INFO: https://www.specialolympics.org/50th.aspx

Lazio, nasce a Mentana un laboratorio sportivo integrato

Sta per nascere a Castelchiodato: le attività proposte nel laboratorio, con una frequenza bisettimanale, saranno decise individualmente da istruttori qualificati in funzione delle richieste personali.
Le persone con disabilità diverse potranno partecipare al laboratorio anche seguite da un familiare o da un educatore
- continua su https://www.superabile.it/

Special Olympics Volley Week - febbraio 12 - febbraio 18

Torna la settimana Special Olympics della pallavolo, giunta quest’anno alla III edizione.
Si tratta di un evento, nato dal desiderio di promuovere questo sport nelle scuole, coinvolgendo nella stessa squadra giovani atleti con e senza disabilità intellettive. Lo sport unificato è, da sempre e in ogni disciplina, lo strumento essenziale per creare opportunità di crescita in una società sempre più aperta ed inclusiva.
Nel corso di questa settimana si organizzano in tutta Italia tornei di pallavolo unificata interni alle scuole o tra istituti limitrofi, percorsi di avviamento alla pratica della pallavolo, esibizioni e partite tra Team Special Olympics presenti sul territorio e Team Scolastici.
- continua su http://www.specialolympicsitalia.org/event/volley-week/

sabato 6 gennaio 2018

La "falesia dimenticata" rinasce, anche per i climbers disabili

Il progetto, promosso dall'associazione "Dolomiti Open" con Sportfund onlus, si pone l'obiettivo di riaprire, entro la primavera, la parete di roccia da tempo chiusa. 32 mila euro del dipartimento Pari Opportunità. Previsti itinerari per alpinisti con disabilità
INFO: http://www.dolomiti-open.org/la-falesia-dimenticata/

In Olanda c’è una scuola che insegna agli anziani a cadere

LEUSDEN, Netherlands — The shouts of schoolchildren playing outside echoed through the gymnasium where an obstacle course was being set up.
There was the “Belgian sidewalk,” a wooden contraption designed to simulate loose tiles; a “sloping slope,” ramps angled at an ankle-unfriendly 45 degrees; and others like “the slalom” and “the pirouette.”
They were not for the children, though, but for a class where the students ranged in age from 65 to 94. The obstacle course was clinically devised to teach them how to navigate treacherous ground without having to worry about falling, and how to fall if they did.
INFO: https://www.nytimes.com/2018/01/02/world/europe/netherlands-falling-elderly.html

giovedì 4 gennaio 2018

Olimpia. Rivista interdisciplinare su su Donna e Sport


Olimpia è un progetto dedicato al tema “donna e sport”, argomento finora non sufficientemente valorizzato nella ricerca, anche nello stesso campo delle scienze motorie. Il progetto si articola su due componenti in simbiosi tra di loro: una rivista scientifica e un sito web che la diffonde e ne integra i contenuti.
Il logo della Rivista Olimpia è opera di Silvia Girlanda, che si è ispirata a una delle figure su un vaso etrusco a figure nere del Pittore di Micali (VI sec. a.C.), ora al Museo Gregoriano Etrusco in Vaticano.
- http://www.rivistaolimpia.it/

C.C.F. Balduina. Una storica palestra romana

La sua storia la conoscono in molti nel mondo dello sport , perché la CCF Balduina esercita la sua positiva azione sull’educazione della corporeità di gente di ogni età sin dal 1967 grazie alla felice intuizione di una bellissima coppia di ginnasti e maestri, Alberto e Renata Mezzetti.
Entrambi diplomati all’Isef statale di Roma e poi successivamente laureati, da sempre hanno voluto improntare la loro opera, come dicono nel sito del loro Centro di sapienza motoria, alla “promozione e divulgazione dell’attività sportiva nel settore specifico della Ginnastica”. La loro è una Scuola di Sport che i figli Romano e Alessandro hanno continuato a rendere prolifica partendo dall’assunto che lo sport è un principio educativo universale, quello di un’attività cui tutti partecipano “in uno spirito ludico, esplorativo e creativo che tuteli l’autenticità di ciascuno e la ricchezza espressiva e relazionale con gli altri nella costante ricerca tecnica e laboratoriale”.
- continua su http://www.rivistaolimpia.it/storica-palestra-romana/

PS: un pezzo della mia storia con Renata nel Gruppo sperimentale di Ginnastica Ritmica Maschile dell'ISEF di Roma


Letture. La squadra nazionale di ginnastica ritmica dal 1967 al 1996

Lo scopo di questo lavoro è di documentare la storia della disciplina, in riferimento alla specialità di squadra, in competizioni di alto livello come  Campionati del Mondo, Coppa del Mondo fino all’inserimento della specialità di squadra nei Giochi Olimpici di Atlanta del 1996.
Il racconto oltre che tecnico è di tipo discorsivo con divagazioni storiche, aneddoti e curiosità  al fine di rendere più accogliente la lettura anche ai non addetti ai lavori.Sarà possibile attraverso il racconto dei vari eventi seguire il percorso tecnico della Ginnastica Ritmica, il percorso spesso faticoso degli allenamenti, lo stato quasi di isolamento iniziale in cui versava il gruppo pioniere. Ma sarà evidentissima anche la tenacia e la determinazione che hanno guidato le tecniche interessate e le loro ginnaste  a proseguire nella strada intrapresa e a trasmettere l’entusiasmo alle giovani.
A. Tinto e M. R. Rosato, La squadra nazionale di ginnastica ritmica dal 1967 al 1996. Campionati del Mondo, Coppa del mondo, prima Olimpiade. Levrotto Bella, Torino 2017.
- continua su http://www.rivistaolimpia.it/
- la scheda del libro

NOTA
Si ricorda anche il testo
Maria Rosa Rosato e Amalia Tinto, L’esercizio di squadra dell’Italia ai Campionati d’Europa, Torino, Edizioni MAF Servizi, 2008.
- Leggi l'introduzione del libro (pdf - 316 KB)
- Leggi un capitolo esemplificativo del libro (pdf - 204 KB)

martedì 2 gennaio 2018

Firenze. Lezioni di tango (e inclusione) per i giovani con sindrome di Down

Tango T21 è un progetto che a Firenze fa muovere i primi passi alle persone con trisomia 21. A idearlo, un maestro di ballo e una psicologa. L’obiettivo? Promuovere l’integrazione attraverso la passione condivisa per il ballo
- continua su http://www.redattoresociale.it/

Ballando al buio: la sfida di Bruna, che insegna il tango ai non vedenti

Bruna Zarini è una ballerina che ha creato una didattica per le persone cieche. Il suo motto è: "Il tango ha la capacità di stimolare sia la sfera sensoriale che quella emotiva". La sua esperienza è al centro di "Tango al buio", da poco arrivato in libreria
- continua su http://www.redattoresociale.it/

domenica 31 dicembre 2017

Sport, si chiude un 2017 pieno di successi per il Comitato Italiano Paralimpico

Tante le istantanee da ricordare di questi ultimi dodici mesi, tanti i momenti agonistici che hanno contribuito a tenere alto il nome dell'Italia sul palcoscenico internazionale.
Dallo sci all’atletica, passando per le medaglie nel nuoto e nel ciclismo, ecco tutti i momenti d’oro di un’annata straordinaria
- continua su https://www.superabile.it/

venerdì 29 dicembre 2017

Sei canestri e ruoli in base alle proprie capacità: è Baskin, lo sport per tutti

Sport integrato per ragazzi e ragazze con e senza disabilità, nato a Cremona: si ispira al basket ma si gioca con sei canestri, di cui due più bassi. Nel 2006 è nata l’associazione omonima, ora punto di riferimento dell’Italia intera
- continua su http://www.redattoresociale.it/