Chi sa fare fa, chi non sa fare insegna, chi non sa insegnare insegna educazione fisica (Woody Allen)

sabato 25 giugno 2022

Perché alle bambine fa bene giocare a calcio

Chi ha detto che il calcio non è uno sport per ragazze? A guardare i numeri sembrerebbe un dato di fatto: meno del 2% dei giocatori nelle giovanili in Italia sono bambine (1,9%, 9 mila in tutto il Paese), numeri decisamente sotto la media europea e mondiale.

Eppure a loro correre dietro ad un pallone fa bene, e lo fanno bene. A raccontarci perché è Ben Goodridge, allenatore FICG che ha lavorato prima a Shangai come general manager della sport coaching company Shangai Ltd e poi in Australia per la federazione calcistica FA di Sydney. Ora è nel nostro Paese e in un anno con GAEA Football, il programma di calcio dedicato esclusivamente alle bambine dai 6 agli 11 anni ha già “fatto correre” più di 80 ragazze.

https://alleyoop.ilsole24ore.com/2022/06/21/perche-alle-bambine-fa-bene-giocare-a-calcio/

In Asia sempre più giovani sono miopi e bisogna correre ai ripari

Pur avendo i dati peggiori, l’Asia orientale non è sola. Anche Europa e America registrano tassi di miopia superiori alla norma.

Nuove ricerche confermano che il disturbo cresce tra i più giovani che passano troppe ore al chiuso.

L’articolo dell’Economist.

Portiera, portiere, portierX

Il sei giugno su l’Ultimo Uomo è uscita una mia intervista a Camelia Ceasar, la portiera della AS Roma e della squadra nazionale della Romania. Parlare con Ceasar è stata un’ottima occasione per avere informazioni di prima mano sulla preparazione atletica del ruolo dell’estrema difensora nel campionato italiano femminile.

I pregiudizi in questione riguardano soprattutto il ritardo atletico e tecnico-tattico che in genere viene imputato alle portiere. In sostanza è venuto fuori che il ritardo di preparazione è dovuto proprio…ad un ritardo di preparazione che è strutturale all’interno dei club in cui le portiere iniziano ad allenarsi sin da giovani.

https://zarina.substack.com/p/portiera-portiere-portierx-

giovedì 23 giugno 2022

Arriva la prima arbitra in Serie A, da agosto arruolata nel gruppo

Maria Sole Ferrieri Caputi, livornese 32 anni ha già diretto il Cagliari in Coppa Italia

Livornese, 32 anni, laureata in sociologia: Maria Sole Ferrieri Caputi da agosto verrà arruolata nel gruppo degli arbitri di Serie A e Serie B. L'ufficialità, secondo quanto si apprende, dovrebbe esserci l'1 luglio prossimo in una conferenza stampa a Firenze.

Ferrieri Caputi fa parte della Can C, ed è anche arbitra internazionale, ed 31 anni ha diretto il suo primo match in serie B e nel dicembre scorso è diventata la prima donna ad arbitrare una partita di Coppa Italia con una squadra di serie A, il Cagliari, e con lo strumento del Var. In quell'occasione Ferrieri Caputi annullò tre reti. 

https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/2022/06/22/arriva-la-prima-arbitro-in-serie-a-da-agosto-arruolata-nel-gruppo_4a1026d7-cb13-4578-b83c-122f5172cca1.html

Briganti e Brigantesse del rugby

Nella periferia di Catania c’è un’associazione sportiva che scardina gli stereotipi di genere e difende il diritto allo sport. E contrasta la mafia portando avanti i valori della solidarietà e del dialogo.

Camminando da casa sua verso il campo di rugby, nel quartiere della periferia di Catania di Librino, vicino all’aeroporto Fontanarossa, Alessio Panebianco incontra spesso qualche vecchio amico. Con alcuni si ferma a chiacchierare, con altri si limita a un breve cenno del capo, da lontano. Quasi sempre intuisce quando non è il momento giusto per scambiare due parole in più.

https://www.internazionale.it/essenziale/notizie/marta-bellingreri/2022/06/22/briganti-e-brigantesse-del-rugby

La Federazione internazionale del rugby a 13 ha momentaneamente escluso le giocatrici trans dalle competizioni femminili

Lunedì la Federazione internazionale del rugby a 13 (Rugby League) ha annunciato che le giocatrici transgender (cioè con un’identità di genere femminile ma nate di sesso maschile) saranno temporaneamente escluse dalle competizioni, che saranno quindi riservate alle donne cisgender (le persone che si identificano come donne e sono nate di sesso femminile).

https://www.ilpost.it/2022/06/21/rugby-donne-trans-limiti-partecipazione/

Lo sport sta cambiando approccio con le atlete trans

Alcune federazioni hanno introdotto nuovi parametri per l'ammissione, più restrittivi dei precedenti, e altre potrebbero seguirle

Due importanti federazioni sportive internazionali hanno adottato di recente nuove misure restrittive per regolamentare la partecipazione di atlete transgender (che si identificano cioè come donne pur essendo nate di sesso maschile) in ambiti professionistici femminili. Negli sport acquatici la FINA ha escluso dalle competizioni le atlete trans che non hanno iniziato le terapie per la transizione entro i 12 anni d’età, mentre la Rugby League (il rugby a 13) le ha escluse completamente fino a quando non avrà completato l’elaborazione di un nuovo regolamento basato su studi ancora in corso.

https://www.ilpost.it/2022/06/22/federazioni-sport-atlete-trans-regolamenti/

martedì 21 giugno 2022

La Federazione internazionale degli sport acquatici ha limitato ampiamente l’accesso delle donne trans alle categorie femminili

Domenica la FINA, la federazione internazionale degli sport acquatici, ha introdotto il divieto per le donne transgender (cioè persone che si identificano come donne pur essendo nate di sesso maschile) di gareggiare all’interno delle categorie riservate alle donne cisgender (le persone cioè che si identificano come donne essendo nate di sesso femminile).

Sport, barriere e disabilità intellettive

«Oggi bisogna affrontare scelte e tecnologie architettoniche, sia a livello progettuale che di esecuzione, considerando aspetti non sempre ben noti, soprattutto per quanto riguarda la fruizione degli impianti sportivi da parte di atleti e atlete con disabilità intellettiva»

Partirà da questo assunto il convegno “Barriere architettoniche e disabilità intellettive. L’accessibilità ai luoghi dello sport e della vita sociale per i disabili intellettivi”, organizzato per il 22 giugno a Roma dalla SCAIS e da Special Olympics Italia, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti della Capitale

- https://www.superando.it/2022/06/20/sport-barriere-e-disabilita-intellettive/

- https://formazione.architettiroma.it/offerte-dettaglio.php?tipo=2&offerta=733

(ringrazio AnnaClaudia C. per la segnalazione)

lunedì 20 giugno 2022

Sport e Malattie Rare

Sarà questo, il 23 giugno prossimo, il tema del nuovo meeting scientifico online appartenente al ciclo “Malattie Rare: buone pratiche ed azioni”, promosso dal Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità e da UNIAMO, la Federazione Italiana Malattie Rare. L’incontro verrà anche diffuso in diretta Facebook

http://www.superando.it/2022/06/20/sport-e-malattie-rare/

domenica 19 giugno 2022

Pedalando lentamente lungo la costa

È un percorso circolare di 220 chilometri, ma alla portata di tutti. E permette di scoprire il Salento in bicicletta.

Dicono che andando in bicicletta non ci sia spazio per la malinconia. Forse perché non c’è il tempo di voltarsi indietro quando si tiene lo sguardo proteso verso l’orizzonte. Ma questo detto è messo a dura prova dalla selvaggia bellezza del Salento, un luogo “spaccato dal sole e dalla solitudine”, come scriveva l’etnologo Ernesto De Martino in La Terra del rimorso, la sua famosa monografia del 1959. Anche se da decenni ormai la solitudine di questa regione d’estate convive felicemente con la cultura dell’edonismo.

Leggi l'articolo di Giuliano Malatesta sull'Essenziale in edicola questa settimana o qui: http://intern.az/1Fgd

Joelette : il sogno di un mondo migliore

Grazie alle Joelette, carrozzine speciali ideate per la corsa e il tracking, è finalmente possibile correre tutti insieme.

In Italia è l’associazione SOD a portare avanti da anni questo progetto con successo, al punto da essere alla seconda partecipazione del Campionato Mondiale, recentemente svoltosi in Francia.

https://storiecorrenti.com/joelette-il-sogno-di-un-mondo-migliore/

mercoledì 15 giugno 2022

Un tribunale di Mosca ha prolungato la detenzione preventiva della cestista statunitense Brittney Griner

Martedì un tribunale di Mosca, in Russia, ha esteso fino al 2 luglio la detenzione preventiva della giocatrice di basket statunitense Brittney Griner, arrestata a febbraio perché accusata di avere con sé cartucce per un vaporizzatore con olio di hashish (un derivato della cannabis).

Un mese fa l’avvocato di Griner aveva fatto sapere che sarebbe stata detenuta ancora per un mese, quindi fino a metà giugno, ma la detenzione è stata ora ulteriormente prolungata. Non è ancora iniziato il processo: Griner è accusata di contrabbando di droga, e se condannata rischia fino a 10 anni di prigione.

https://www.ilpost.it/2022/06/15/brittney-griner-arrestata-russia-detenzione-prolungata/

martedì 14 giugno 2022

Corpo a Corpo. Un film di Maria Iovine


Veronica ha 25 anni e il suo obiettivo sono le Paralimpiadi di Tokyo. A 15 anni, una meningite fulminante le ha restituito un corpo segnato e “con qualche pezzettino in meno” come dice lei.

Corpo a Corpo è il racconto dell’anno preolimpico di un’atleta e il ritratto di una femminilità libera da ogni schema.

Partiamo da casa (Roma - https://www.sacherfilm.eu/portfolio/corpo-a-corpo-di-maria-iovine/) e arriviamo a casa (Caserta). Nel mezzo tante città italiane, tante sale. Veronica Yoko Plebani, io, i produttori e tutti quelli che hanno reso possibile questo film accompagneremo Corpo a Corpo nelle sale. 

Ora tocca a voi! Avete le date, le città, le sale e gli orari, comprate i biglietti, noi vi stiamo già aspettando! 

https://youtu.be/tDo6Nv2Me9Q

lunedì 13 giugno 2022

Tornano i WEmbrace Games, le mini-Paralimpiadi benefiche organizzate dall’associazione di Bebe Vio

Stasera allo Stadio dei Marmi di Roma, dopo due anni di stop per la pandemia, andrà in scena l’evento benefico organizzato dalla Onlus della campionessa paralimpica Bebe Vio, condotto dal Trio Medusa e Danilo da Fiumicino e a cui parteciperanno tanti vip. Ricavato finalizzato alla progettazione di protesi d’arto e ausili sportivi.

continua su: https://www.fanpage.it/sport/altri-sport/tornano-i-wembrace-games-le-mini-paralimpiadi-benefiche-organizzate-dallassociazione-di-bebe-vio/

Trento. La montagna inclusiva. La formazione per l’accessibilità in montagna

Trentino School of Management (https://www.tsm.tn.it/) nell’ambito delle attività di Accademia della Montagna propone il prossimo 14 giugno, alle ore 9.00, il seminario “La montagna inclusiva. La formazione per l’accessibilità in montagna” dedicato al tema della relazione tra accessibilità, partecipazione e inclusione nelle attività outdoor.

Tsm|adm lavora da molti anni per promuovere la frequentazione consapevole della montagna per tutti. Tra novembre 2021 e maggio 2022 si sono svolte sei iniziative formative rivolte a coloro che svolgono attività di accompagnamento alle persone disabili: maestri di sci, snowboard e fondo, guide alpine, accompagnatori di territorio e di media montagna, istruttori e tecnici sportivi.

https://secolo-trentino.com/2022/06/11/la-montagna-inclusiva/

domenica 12 giugno 2022

Rugby. L'Italdonne avrà 25 atlete sotto contratto

🇮🇹🏉 Nell’anno che porta alla Rugby #WorldCup neozelandese d’autunno la Federazione Italiana Rugby annuncia una serie di nuovi investimenti per continuare a sviluppare e sostenere il proprio Alto Livello Femminile.  Dopo aver finalizzato l’accordo di broadcasting con #ElevenSport, che trasmetterà un incontro settimanale e le fasi finali del Campionato Italiano di #SerieA Femminile dal 2022/23, e definito con il main sponsor FIR Bitpanda la title sponsorship del massimo campionato nazionale, il Consiglio Federale ha pianificato un investimento di oltre trecentoncinquantamila euro per consentire alle atlete di interesse nazionale di preparare al meglio la rassegna iridata d’autunno.

👩‍🦰 Sono venticinque, le atlete #Azzurre per le quali il Consiglio Federale ha approvato l’istituzione di un contratto di collaborazione sportiva su base annuale. Il contratto sarà rinnovabile per le stagioni a venire. La finalità è quella di sostenere l’attività professionale o il percorso universitario delle migliori atlete.

🗣 Francesca Gallina, Consigliera Federale #FIR: “L’impegno di FIR per lo sviluppo del movimento femminile e per una maggiore #equità tra generi nel nostro sport assume concretezza con interventi come la contrattualizzazione delle atlete che saranno chiamate a rappresentare l’Italia. Siamo felici di poter agevolare le atlete nel conciliare la loro vita personale, accademica o professionale, con la propria vita di atlete. Questo accordo costituisce anche una piattaforma per il futuro, per l’evoluzione del movimento e per le future giocatrici internazionali”.

Articolo completo: https://www.sportalfemminile.com/litaldonne-del-rugby-avra-25-atlete-sotto-contratto/

#RugbyWomen #Rugbyfemminile #ContrattoSportivo #FederazioneItalianaRugby #Italdonne #sportmanagement #DirittoSportivo

Wimbledon. Via signora e signorina

Wimbledon ha deciso di cambiare l’albo d’onore di Wimbledon per il torneo del mese prossimo, rimuovendo le qualifiche ‘signorina’ e ‘signora’ nell’elenco dei vincitori del torneo. 

Per tradizione, infatti L’All England Lawn Tennis Club usava “signora” e “signorina” prima dei cognomi delle tenniste. Cosa che non faceva per gli uomini. 

Già tre anni fa aveva smesso di usarlo per annunciare i punteggi di fine partita.

Ora un ulteriore passo avanti.

Sin dal 1877, i nomi femminili e maschili nell’albo d’onore sono stati infatti presentati in modo diverso. Se i campioni maschili erano registrati solo con l’iniziale e il cognome, il che significa che Roger Federer era “R Federer”, quelli femminili no. Serena Williams, ad esempio, veniva presentata come Miss S. Williams. 

L'All England Club sta anche aggiornando la pratica vetusta di dare alle donne sposate il cognome dei loro mariti. 

Chris Evert nella bacheca d'onore per la sua vittoria del titolo in singolo nel 1976 era Miss CM Evert, ma dopo il matrimonio con John Lloyd, il suo titolo, nel 1981, è registrato come Mrs JM Lloyd. E rimaneva così anche dopo il divorzio nel 1987. Ora C Evert Lloyd tornerà col suo nome alla nascita anche per la vittoria del 1981.

Tra le poche voci dissonanti rispetto all’iniziativa c’è il  nome di Djokovic. “Ho pensato che fosse carino. Non è facile cambiare le tradizioni presenti da molti anni. È sorprendente che l'abbiano fatto".

Un brindisi a Wimbledon che sa cambiare. 

#labodifsegnala #tennis #wimbledon #signora #signorina

https://www.labodif.com/

Podcast. La revolution di Teofilo Stevenson

Dalle #Olimpiadi di Monaco 1972 in avanti #Cuba ha costruito su scala mondiale l’epica dell’isola dei campioni: il primo è stato #TeofiloStevenson, un ragazzo che voleva giocare a basket ma che inciampò in un paio di guantoni da #boxe.

Scoprì che era bravo e che tirare pugni gli piaceva, e iniziò a farlo per portare sul ring – e sul podio – insieme a lui gli 8 milioni di cubani che rappresentava.

Più il mondo isolava Cuba, più Teofilo colpiva forte per far sventolare ancora una volta la bandiera della stella solitaria, hasta la victoria siempre.

#Rimbalzi

Spotify: https://spoti.fi/3QdRpYW

Apple Podcasts: https://apple.co/3xDLchG

Gol a occhi bendati

Il racconto della nazionale italiana di calcio a cinque non vedenti impegnata a Pescara nei campionati Europei di categoria

È l’ultimo allenamento. Il mister raduna i suoi giocatori in cerchio al centro del campo. A terra una bandiera italiana con le firme di tutti: calciatori, staff, le squadre di provenienza e anche i nomi «di quelli che avrebbero voluto essere qui al vostro posto». «La maglia è pesante ma il cuore è leggero e domani daremo tutto» dice l’allenatore prima di lanciare un urlo che fende l’aria: «Perché noi siamo l’Italia!». Un grido che mette i brividi, da cui trasudano emozione e consapevolezza, rese ancora più forti dal fatto che i giocatori riuniti in cerchio quel tricolore con le firme e quella maglia azzurra che è il sogno di milioni di bambini non li possono vedere.

https://zetaluiss.it/2022/06/12/calcio-non-vedenti-nazionale-italiana-europei-pescara/